kubera edizioni

Come essere uno scrittore felice

Pubblicato il Pubblicato in scrittura

Di John Matthew Fox
Articolo tradotto dalla redazione di Kubera Edizioni

 

 

Di solito le persone danno i consigli che hanno bisogno di ascoltare, e sono il primo ad ammettere che non sono stato il modello perfetto di scrittore felice.
Ho avuto alcuni brutti anni. Avevo fantasie stravaganti sulla scrittura e il successo.  Molti scrittori che ho conosciuto hanno lottato con tristezza o depressione.
Per quanto mi riguarda, ho lavorato sia sul versante fisico che sul lato emotivo negli ultimi cinque anni, e sono felice di dire che ora mi trovo in un posto molto più felice.
Se stai lottando con il lato attitudinale/emotivo, questo articolo dovrebbe aiutarti.
Qui di seguito ci sono le tecniche che ho usato negli anni nella mia vita di scrittore, e guardando indietro, in quei momenti sono stato davvero soddisfatto, in pace e felice con la mia scrittura.

 

PIANIFICA UNA SESSIONE DI LODE

Gli scrittori ricevono un’enorme quantità di critiche. Probabilmente fai parte di un gruppo di scrittori e quando dai il tuo materiale a loro, puoi ascoltare un’ora di critica. E questo è meraviglioso e necessario ma a volte sarebbe bello ascoltare parole gentili.
Dove puoi trovare parole così gentili? La risposta non è semplice, è un po’ come andare a caccia di una bestia mitologica.
Consiglierei una sessione di lode. È molto semplice da realizzare e bisogna essere in due. Chiama un tuo amico scrittore e scambia un nuovo pezzo di scrittura con lui. Un piccolo pezzo. E poi andate a bere qualcosa trascorrendo 15 minuti a esaltare tutte le virtù della scrittura dell’altro.
“Sei divertente! Ho sniffato 6 volte e mezzo mentre leggevo questo! E la tua caratterizzazione del protagonista era geniale. Scrivi sempre fantastiche prime righe! Hai una abilità strepitosa! ”
Nessuna critica. Di quelle ce ne sono fin troppe. Per questa volta,  solo lode.
Dai un piccolo amore, prendi un po’d’amore. Anche noi scrittori abbiamo bisogno di un po’d’amore.

 

VOLONTARIATO LETTERARIO

Il segreto della felicità è sempre dare te stesso. In che modo hai condiviso i tuoi talenti di scrittura con gli altri?
Puoi fare volontariato per leggere ai pensionati in un circolo o una casa di accoglienza. Ovviamente non dovrai leggere uno dei tuoi pezzi (non hai bisogno di quella pressione!). Leggi alcune poesie che ti piacciono o un passaggio divertente di uno scrittore brillante.
Oppure fai volontariato insegnando ai bambini delle scuole elementari come scrivere una storia. Donando tempo e attenzione alla prossima generazione, inietterai nella tua vita un significato e una prospettiva.

 

LAVORARE STABILMENTE

Quando lavori costantemente su un progetto, la vita è tutta rose e fiori. Alcuni dei miei più grandi momenti di felicità come scrittore li ho avuti quando ero profondamente immerso in un progetto, come scrivere nel mio 42° giorno di scrittura di fila. (Un po’ di consigli: non prenderti mai un fine settimana libero! – continua la tua striscia).
Non puoi fare a meno di essere felice perché vedi una crescita costante.  Quale scrittore non sarebbe contento di un progetto  che cresce sotto i suoi occhi?
Quindi struttura la tua vita in modo che tu possa scrivere per almeno un’ora ogni singolo giorno (lo raccomanderei la mattina presto). Questo tipo di routine porta un’enorme quantità di benessere, tranquillità e pace.
Ricorda: qualunque cosa accada il resto della giornata, hai già compiuto la parte più importante della giornata.

 

CONCENTRATI SUL LAVORO, NON SUL RISULTATO

C’è una famosa citazione di E.L. Doctorow:

“Scrivere un romanzo è come guidare una macchina di notte. Puoi vedere solo fino ai tuoi fari, ma puoi fare l’intero viaggio in questo modo. ”

Questo consiglio è altrettanto vero per come vivere la vita della scrittura. Non devi concentrarti su cose profonde in lontananza: fama, denaro, sicurezza, ammirazione, pubblicazione.
Puoi  concentrarti su ciò che è di fronte a te:

 

LE PAROLE SULLA PAGINA

Hai il controllo su quelle parole sulla pagina, ma non hai il controllo su nient’altro. In effetti, stai solo deludendo te stesso  se ti concentri su ciò che accadrà dopo aver scritto.
E sicuramente scrivo questo a me stesso: per tanti anni ho fantasticato incessantemente su quello che sarebbe successo dopo aver finito il romanzo X o il libro Y, ma sarei stato molto più felice se mi fossi concentrato sulla strada proprio di fronte a me, guidando fino alla prossima tappa dello straordinario viaggio della scrittura.

 

ROMPI GLI SCHEMI

Sono stato molto infelice come scrittore quando stavo lavorando qualcosa che non funzionava.
Forse ho lavorato su una storia troppo a lungo. Forse ho lavorato su un libro che semplicemente non funzionava.
Ma è un vero piacere iniziare a scrivere qualcos’altro.
Scrivi un saggio personale su un segreto che non hai mai detto a nessuno.

Scrivi un post sul blog.

Scrivi una lettera a tua nonna.

Scrivi una lettera a tua madre.

Scrivi un sonetto pieno di parole.

Riscrivi una sceneggiatura di un famoso film con il ritmo e la cadenza di un vecchio western.

Scrivi una fiction che mette i personaggi nello spazio.

Noia = infelicità.

Soluzione? Smetti di annoiarti. Cambia il tuo progetto.

 

SII CONTENTO DI CIÒ CHE ACCADE

La mia raccolta di racconti “I Will Shout Your Name,” non è entrata nella lista dei bestseller del New York Times. Non ha vinto grandi premi letterari. Vendette un numero di copie solido ma limitato. Ma sono comunque felice.
Perché ricevo email da amici e sconosciuti che mi dicono che amano davvero questa o quella storia, e perché. Ogni giorno qualcuno là fuori legge ciò che ho scritto e quindi si sta connettendo con il mio cervello, vedendo come elaboro il mondo, ed è un’enorme gioia e privilegio.
Non devo essere famoso. Voglio essere conosciuto. E sono stato benedetto negli ultimi sei mesi da quando i lettori mi hanno detto:  “Ti leggo. Mi è piaciuto. Questo mi ha fatto piangere. Questo mi ha fatto ridere.”
Tutto ciò che puoi controllare è la tua reazione a ciò che il mondo ti offre. E sto scegliendo di vederlo in una luce positiva e di fare tesoro dei dettagli.

 

FREQUENNTA ALTRI SCRITTORI

Fate uno sforzo per frequentare altri scrittori nella vita reale. Io sono un estroverso, e quindi stare seduto tutto il giorno da solo a un computer non è il mio ideale di un’esistenza felice.
Conferenze e ritiri di scrittura, letture di comunità e ogni altra possibilità che ha a che fare con le folle letterarie mi fa venire i brividi di piacere. Parto con più energia di quando sono arrivato.
E so che questo potrebbe sembrare un consiglio tortuoso per gli introversi. Per tutti voi, consiglierei di trovare uno spazio più intimo per interagire con un altro essere umano – magari un incontro uno a uno.

In definitiva, vivere la vita attraverso l’isolamento non è la strada migliore per la felicità.
La felicità accade in comunità, qualunque comunità tu scelga di costruire come scrittore.

 

 

 

John Matthew Fox ha scritto il romanzo  “I Will Shout Your Name,” pubblicato da Press 53.
Ha pubblicato oltre 40 racconti in riviste letterarie come  Crazyhorse, Arts & Letters, Los Angeles Review and Hobart.
Lavora come editor nel Southern California Review.

 

 

 

2 pensieri su “Come essere uno scrittore felice

  1. Ho conosciuto tante persone della tua eta” che fanno volontariato Avulss. Ogni anno organizzano un corso per fare volontariato negli ospedali e nelle case di riposo. Potresti frequentarlo e fare poi volontariato. Oppure potresti iscriverti a un corso di ballo. Auguri! cheap cialis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *